Vai al contenuto principale
+31 (0) 20 888 5115Prova gratuita
Splashtop team member showcasing diversity and inclusion as a proud ally
La vita a Splashtop

Alcune riflessioni sull'orgoglio e l'inclusività al lavoro

Da Splashtop Team
3 minuti di lettura

Iscriviti

NewsletterFeed RSS

Condividi

In quest'ultimo anno e mezzo, tutti noi abbiamo avuto modo di vedere le case, i figli, gli animali domestici, i partner e le vite fuori dall'ufficio dei nostri colleghi. Di conseguenza, abbiamo avuto modo di vedere da vicino le cucine, le camere da letto, gli uffici e altre aree casuali delle case dei nostri colleghi che probabilmente non avremmo mai visto senza una pandemia globale, ordini di lavoro obbligatorio a casa e la necessità di quarantena.

Ho la fortuna di avere una stanza dove poter avere un ufficio dedicato. Quando sono su Zoom, Teams o una delle tante altre piattaforme di web conferencing, il mio sfondo è il mio quadro preferito, le foto dei miei figli, di mio marito e i libri di economia che amo particolarmente. Se devo essere sincera, scelgo con intenzionalità ciò che appare dietro di me, sperando che sia professionale ma che mostri anche un po' della mia personalità.

Non tutti si sentono a proprio agio nel condividere la propria vita personale al lavoro.

Secondo un nuovo sondaggio di LinkedIn, quasi un quarto dei professionisti LGBTQ+ negli Stati Uniti nasconde questa parte della propria vita al lavoro. Mentre io mostro con orgoglio i volti dei miei figli e del mio partner, i dipendenti che si identificano come LBTQ+ possono scegliere di non mostrare i propri cari sulle loro scrivanie (o sugli sfondi in un ambiente virtuale).

Inoltre, possono evitare di parlare di programmi per il fine settimana, di serate fuori o di qualsiasi cosa che possa dare ai colleghi un'idea della loro vita al di fuori del lavoro. Il 26% delle persone intervistate da LinkedIn teme che l'apertura della propria identità sul lavoro possa causare un trattamento diverso da parte dei colleghi.

Questo timore è fondato: "quasi un terzo (31%) dei professionisti LGBTQ+ afferma di aver subito discriminazioni palesi e/o microaggressioni sul lavoro. Un quarto degli intervistati ha dichiarato di aver lasciato un lavoro in passato perché non si sentiva accettato sul posto di lavoro".

D'altro canto, l'indagine riporta: "Coloro che si sono aperti al lavoro come persone LGBTQ+ hanno dichiarato che questo li ha aiutati a entrare in contatto con altri per ottenere supporto e a costruire relazioni migliori all'interno della loro professione". Hanno anche detto che si sentono come se si fossero tolti un peso quando escono al lavoro".

Quindi, in qualità di leader, come possiamo incoraggiare i nostri team e colleghi a sentirsi a proprio agio e al sicuro per portare il loro "io completo" sul posto di lavoro?

Costruire e sostenere una cultura dell'inclusività

Usare i pronomi di genere è un inizio. In un servizio di NPR, Alex Schmider, direttore associato della rappresentanza transgender presso la GLAAD, ha paragonato l'uso dei nomi corretti di una persona alla pronuncia corretta del suo nome: "un modo per rispettarla e per riferirsi a lei in modo coerente e fedele a ciò che è."

LinkedIn e Instagram hanno reso possibile per i propri membri condividere i pronomi di genere sui loro profili e cambiare il proprio pronome di genere è un inizio per aiutare i nostri colleghi LBTQ+ a sentirsi visti.

Se stai cercando di capire come gestire l'identità di genere, NPR, in collaborazione con GLAAD, ha recentemente pubblicato un glossario di termini relativi all'identità di genere . "I pronomi sono fondamentalmente il modo in cui ci identifichiamo oltre al nostro nome. È il modo in cui qualcuno si riferisce a te durante una conversazione," afferma Mary Emily O'Hara, responsabile delle comunicazioni di GLAAD. "E quando parli con le persone, è un modo molto semplice per affermare la loro identità."

Come notano gli autori del glossario NPR, "gli sforzi di inclusione per aumentare la diversità dei dipendenti, a tutti i livelli, non finiranno con un glossario, ma questa risorsa può incoraggiare gli sforzi per creare ambienti di lavoro più tolleranti e rispettosi".

Creare una cultura dell'inclusività è un dovere per ogni leader e educare noi stessi a diventare migliori alleati dei nostri colleghi LGBTQ+ è un inizio.

Se ti stai chiedendo quali azioni significative puoi intraprendere durante il mese dell'orgoglio, donare alle organizzazioni qui sotto potrebbe essere un modo per avere un impatto.

  1. Il Progetto Trevor

  2. La comunità LGBTQ+ di Billy DeFrank

  3. Il centro LGBT di SF

Noi di Splashtop ci siamo impegnati ad abbinare le donazioni dei dipendenti alle organizzazioni sopra citate fino a un massimo di 10.000 dollari per dipendente.

Sei interessato a far parte della nostra cultura inclusiva? Unisciti a noi!

Prova gratuita

Contenuti correlati

Secure Workspace

Come Splashtop Secure Workspace protegge la proprietà intellettuale del settore media e intrattenimento

Ulteriori informazioni
Informazioni dettagliate sull'accesso remoto

Come usare un software per desktop remoto su un iPad

Supporto remoto del Help Desk e IT

Come affrontare le sfide IT negli hotel: il potere degli strumenti di supporto remoto

Confronti

I 10 migliori strumenti software per il supporto remoto nel 2024

Visualizza tutti i blog
Scopri le ultime notizie su Splashtop
AICPA SOC icon
  • Conformità
  • Informativa sulla privacy
  • Condizioni d'uso
Copyright ©2024 Splashtop Inc. Tutti i diritti riservati. Tutti i prezzi indicati non includono le tasse applicabili.